mercoledì 14 gennaio 2009

La campagna elettorale in El Salvador

In El Salvador a gennaio si terranno le elezioni presidenziali. Si contenderanno la poltrona presidenziale il Frente Farabundo Martì de Liberacion Nacional (Fmln), di sinistra, ed il partito di destra l'Alianza Republicana Nacionalista (Arena); ed i sondaggi già da alcuni mesi danno per vincitore il Fmln.

A metà dicembre 2008, a poche settimane dal voto, il governo in carica di El Salvador, ha reso noto che i propri servizi segreti hanno individuato circa 40 gruppi di guerriglieri vicini al Frente Farabudo Martì de Liberacion Nacional che in passato combatté per dodici anni, fino al 1992, il regime di José Napoleon Duarte.
Secondo i servizi segreti i guerriglierri, che ancora non si sono manifestati con azioni o attentati, sarebbero bene armati (Ak-47, M-16 e Ar-15) e ben addestrati e si sposterebbero nel paese in piccoli gruppi; il totale dei presunti guerriglieri dovrebbe essere di circa 500 unità. Insieme a queste informazioni l'intelligence ha fornito anche le mappe delle aree (nel nord e nell'est del Paese) in cui si concentrerebbero questi guerriglieri (per adesso mai fotografati o intercettati).

Monsignor Lacalle, arcivescovo di San Salvador e successore di Monsignor Romero, in modo molto deciso ha detto:"Prima di fare accusa bisogna fornire delle prove. Sarebbe una cosa molto grave l'esistenza di gruppi armati paramilitari di qualsiasi parte siano. Per questo la Chiesa chiede che si facciano indagini".
Alcuni intellettuali e studiosi di storia Latino Americana pensano che sia una campagna per gettare discredito sul Fmln, che adesso è all'opposizione, accusandola di essere alleata di gruppi paramilitari o guerriglieri.
A rafforzare l'idea che sia solo una montatura, per cercare di sconfiggere alle elezioni presidenziali del prossimo gennaio il candidato favorito del Fmln, rimane il fatto che nessuno ha prodotto una prova tangibile dell'esistenza dei gruppi armati. Infine, per quale motivo il Frente Farabundo Martì de Liberacion Nacional a distanza di 16 anni dall'inizio del processo di pacificazione e nel momento in cui è molto probabile una vittoria elettorale dovrebbe riarmarsi?

2 commenti:

Alex Giaco ha detto...

Ciao, ho appena scoperto il tuo blog. Anch'io scrivo di America Latina. Ti comunico che noi blogger italo-latinoamericani abbiamo creato un meta-blog chiamato Bitacoras all'indirizzo www.tanoka.net/bitacoras
Un modo per aumentare la nostra visibilità sulla rete, per unirci e confrontare le nostre idee.
Spero anche tu voglia essere dei nostri. A presto, un saluto. Alessandro

Daniele F. ha detto...

Grazie della segnalazione!
Metterò presto il banner e sicuramente entrerò a far parte della comunità.
A presto